Iperfocale e street.. rubiamo qualche trucco ai paesaggisti!

L’iperfocale è quella distanza di messa a fuoco che massimizza la profondità di campo (PdC). Per capire cosa sia la PdC, vi consiglio di dare una lettura a wikipedia dalla quale riporto:

In fotografia, la profondità di campo nitido o semplicemente profondità di campo (abbreviato in PdC o DoF dall’inglese Depth of Field) è la distanza davanti e dietro al soggetto messo a fuoco che appare nitida. Per ogni impostazione dell’obiettivo, c’è un’unica distanza a cui gli oggetti appaiono nitidi; la nitidezza diminuisce gradualmente in avanti (verso il fotografo) e dietro il soggetto messo a fuoco. Il “campo nitido” è quell’intervallo di distanze davanti e dietro al soggetto in cui la sfocatura è impercettibile o comunque tollerabile; la PdC si dice essere maggiore se questo intervallo è ampio e minore se è ridotto. Per motivi legati all’angolo di incidenza dei raggi luminosi, il campo nitido è sempre più esteso dietro al soggetto a fuoco che davanti; più precisamente, la distanza perfettamente a fuoco si trova grosso modo a un terzo del campo nitido, verso il fotografo. Un punto al di fuori del campo nitido (sfocato) produce sulla pellicola un circolo di confusione, il cui diametro cresce man mano che ci si allontana dal campo nitido stesso.

Nella pratica l’iperfocale è usata tipicamente dai fotografi paesaggisti, i quali vogliono avere tutto il paesaggio a fuoco (dal primo piano allo sfondo) e devono quindi ricorrere a questo espediente.

“Si ma, come si calcola?” Voi vi chiederete.. Beh, ci sono due modi per settare l’iperfocale.

Il primo è quello di calcolarsi tramite le tabelle il valore preciso e mettere a fuoco a quella distanza. Cosa piuttosto difficile da fare, visto che le scale riportate sugli obiettivi non sono così precise. E poi noi facciamo street! Sarebbe impensabile per ogni diaframma mettersi a fare il conto!

Il secondo, che è quello che interessa a noi, è quello di sfruttare un piccolo trucchetto che i vecchi fotografi a pellicola conoscono bene. Sugli obiettivi fissi (purtroppo con gli zoom non funziona 🙁 ) infatti è solitamente riportata la PdC ai vari diaframmi, quindi basterà ruotare la ghiera della messa a fuoco in modo da avere l’infinito allineato alla lineetta del limite superiore della PdC (occhio ad allinearlo alla linea relativa all’ƒ corretto!).

Per capire meglio diamo un’occhiata alla foto sotto. Scelto un diaframma ƒ/5.6, ho allineato l’infinto con la tacca della PdC in corrispondenza di ƒ/5.6 (come mostrato dalle frecce). Facile no??

“Si ok, ma a noi che ce ne frega??” starete pensando… ce ne frega che se abbiamo un grandangolo (almeno 35mm in formato 24×36, come in foto), in iperfocale abbiamo a fuoco la scena da circa 3m fino a infinito e possiamo fregarcene della messa a fuoco! Questo ci permette di concentrarci di più sulla scena e la sua composizione, cosa essenziale nella fotografia street… 😉

14 pensieri su “Iperfocale e street.. rubiamo qualche trucco ai paesaggisti!

  1. Pingback: Back to street | Gianmaria Veronese Ph*

  2. bellissimo confermo 😀 😀 😀
    sono contentissimo !!!!!
    a me pare , poi capita magari solo a me …
    quando riesco a inquadrare una persona adulta a figura intera con il 35 è tutto a fuoco il resto

  3. anche io mi sono posto lo stesso problema , la soluzione è piu semplice di quello che pensi, il diaframma lo imposti dalla macchina , la ghiera di messa a fuoco lo sposti a fine corsa dove c’e’ il simbolo dell’infinito e voilà! 🙂
    così puoi usare l’iperfocale , spero d’esserti stato utile

    • Andrea attento.. Se sposti la ghiera di messa a fuoco su ∞, metti a fuoco a infinito e non all’iperfocale 😉
      Il diaframma non è importante da dove lo setti..

  4. purtroppo non riesco a capirti , vado ad acculturarmi per la rete e poi torno sperando d’aver capito 🙁

    • se metti a fuoco su ∞ avrai una buona profondità di campo, ma non sarà la massima ottenibile con quel diaframma.. per avere la massima PDC dovrai mettere a fuoco sulla distanza iperfocale.. per farlo o te la calcoli oppure fai come ho scritto sopra 😉

      • ho capito ora 🙂 mi tocchera calcolarlo con alcune ottiche , con altre ho ancora la ghiera dei diaframmi , grazie non ci avevo pensato…
        ma perche poi sulle nuove ottiche hanno deciso di levare la ghiera dei diaframmi ? 😕

        • Eh.. bella domanda.. l’unica risposta è che l’elettronica costa meno della meccanica.. in Canon pare che nei prossimi obiettivi la rimetteranno.. vedremo!

  5. Ciao Gianmaria, se ho ben capito su un nikon 50 1.4G questo non si può fare, e nemmeno con i serie D.
    Giusto?

I commenti sono chiusi.