Riflessioni sui costi dello sviluppo fai da te

Vediamo di fare un pò di chiarezza su quanto costi sviluppare in casa la pellicola Bianco e Nero. Prima di tutto facciamo un pò di chiarezza.. Sapete qual è la differenza tra sviluppo e stampa? Se non lo sapete dovete leggere questi due articoli, altrimenti non ha senso continuare a leggere..

  1. Lo sviluppo del negativo Bianco e Nero
  2. La stampa del negativo Bianco e Nero

Questo per farvi capire che per sviluppare non è necessario avere una camera oscura! Vi basterà un luogo buio per mettere la pellicola nella tank e basta.

Chiarito questo vediamo quali workflow possiamo seguire:

  • Sviluppo in casa + Stampa in casa;
  • Sviluppo in casa + Scansione in casa;

Nel primo caso avremo bisogno di allestire una camera oscura vera e propria.. questo rende estremamente variabile il costo finale dell’operazione..

Vediamo piuttosto cosa costa sviluppare e scansionare in casa i negativi.. operazione decisamente più abbordabile e fattibile! 😉

Partiamo dalle cose necessarie e i relativi prezzi:

  • Liquido rivelatore: circa 20 €/l, diluito a 1+9 (qualità massima) vi consente di realizzare 5 litri di soluzione con una confezione da 500ml. 5 litri bastano per circa 17 rullini da 35mm (considerando una tank che “succhia” 300ml a sviluppo).. quindi direi che il costo al rullino è su per giù 0.6 €/rullino;
  • Liquido di fissaggio: circa 12 €/l, diluito a 1+4 vi consente di realizzare 2.5 litri di soluzione con una confezione da 500ml. 2.5 litri equivalgono circa a 9 rullini (se laviamo con acqua dopo lo sviluppo siamo costretti a buttare il fissaggio, altrimenti dobbiamo usare anche il bagno d’arresto).. quindi aggiungiamo altri 0.6 €/rullino;
  • Tank: ci vogliono una ventina di euro per una tank standard con due spirali;
  • Scanner:ce ne sono per tutte le tasche.. per dei risultati accettabili direi di preventivare un 200€.

Non ho messo i costi di termometro, timer, contenitori graduati, etc.. perchè credo siano reperibili al supermercato per quattro soldi.
A conti fatti un rullino ci costa circa 1.2€ per essere sviluppato. Se aggiungiamo il costo del rullino, supponiamo 4€, siamo a circa5 €/rullino.

Questi conti sono molto spannometrici.. servono solo a dare un’idea approssimativa e a smontare il luogo comune che sviluppare in casa costi chissàchè!

Inoltre, se volessimo prendere una reflex professionale FX dovremmo spendere circa 2000€ solo per il corpo.
Se escludiamo l’acquisto dello scanner, con una reflex analogica riusciremo a scattare circa 400 rullini con 2000€. Che, con rullini da 36 pose, fanno circa 14’000 foto.
Se poi ci mettiamo che Henri Cartier-Bresson ha detto:

“Le tue prime 10,000 fotografie sono le peggiori.”

Qualcuna decente riusciremo a tirarla fuori! hahahahahaha 😀

Scherzi a parte.. la pellicola è un mondo magico.. non ha senso basarsi su un mero conto matematico di quanto costi.. non voglio fare i conti in tasca a nessuno, ma credo che sia una spesa tutto sommato abbordabile per tutte le tasche.. Inoltre l’esperienza che si fa scattando in analogico non è valorizzabile.. sia dal punto di vista tecnico, sia dal punto di vista personale.. si impara a conoscere la VERA fotografia.. e si prova una soddisfazione immensa quando si osserva il risultato del proprio sviluppo!

It was the light

Urban wind

Al giorno d’oggi spendiamo tanti soldi in ca@@ate, non credete valga la pena di risparmiare qualcosa e investirlo in qualcosa di più produttivo?? 🙂

E poi così avrete qualcosa da fare la sera al posto di guardare la penosissima TV italiana! 😉

5 pensieri su “Riflessioni sui costi dello sviluppo fai da te

  1. Questo post capita proprio a fagiolo, come suol dirsi; stavo pensando, proprio in quest’ultimo periodo, di cominciare a sviluppare autonomamente qualche rullo.

    Tutto sommato sembra che la spesa non sia eccessiva.

    Solo, se posso, sapresti indicarmi un posto (fisico o virtuale) dove reperire un Tank?

    Grazie, comunque, per questo graditissimo articolo.

    Con stima,
    Renato Ricci.

  2. Ciao Gianmaria volevo chiederti a proposito di analogico, cosa ne pensi degli scanner da negativo? Si ottengono buoni risultati? Io ho intenzione di acquistare una Nikon FM2 ma non ho spazio e tempo per allestire un a camera oscura. ciao e complimenti per la tua bravura 🙂

    • Grazie mille dei complimenti 🙂 dunque, sul formato 24×36 se vuoi avere dei risultati discreti devi andare su scanner dedicati.. Lasciando perdere tutta la categoria di scanner piani.. Con un dedicato, stampando entro il 50×70, se il negativo é buono, non rimarrai deluso 😉

  3. Ciao GianMaria complimenti e grazie intanto………..Ma che tipo di scanner consiglieresti tu? Costi? Ciao e buone foto 35mm a tutti!

I commenti sono chiusi.