Checklist da viaggio: ecco la mia!

L’estate è ormai iniziata e molti di voi avranno già pianificato le ferie. Ma all’attrezzatura da portarvi dietro avete pensato? Bene, se non l’avete ancora fatto vi do qualche consiglio prendendo spunto dalla mia.

Vediamo come è composto il mio “kit da viaggio”.

  • La borsa: è in pelle e può contenere tranquillamente tutto il materiale con in più qualche vestito (si sa mai). Il bagaglio a mano ideale da portare in cabina dell’aereo, che vi permette di avere tutta la vostra attrezzatura con voi, senza che vi rompano le scatole per le dimensioni. Questa misura è per me l’ideale per stare in giro 2 o 3 giorni senza sentire la mancanza di spazio, ma ognuno è fatto a modo suo! 🙂
  • Leica M9 o Leica M6: avere due corpi, di cui uno a pellicola, è una buona soluzione per non rimanere a piedi sul più bello. Infatti le buone vecchie macchine meccaniche a pellicola necessitano solo di rullini e una piccola batteria, molto più affidabili delle moderne digitali. Ammetto però che spesso viaggio solo con la M9 per essere più leggero.
  • Tracolla e laccio da polso: li porto sempre entrambi. Quando cammino per le città preferisco tenere il laccio da polso con la macchina sempre in mano, mentre se devo fare lunghi spostamenti ricorro alla tracolla.
  • Voigtlander 15mm ƒ4.5 Wide-Heliar: un supergrandangolo di qualità vi permetterà prospettive insolite e paesaggi mozzafiato, nel mio caso è corredato da un filtro ND da 10 stop per cieli e superfici d’acqua con effetto satinato.
  • Voigtlander 28mm ƒ2 Ultron: il re dello street. 28mm è la focale che preferisco nello street, richiede di avvicinarsi molto al soggetto e immerge nella scena. Il suo sfuocato a ƒ2 è  fantastico e permette effetti non ottenibili con altri grandangoli.
  • Leica 35mm ƒ1.4 Summilux: il 35mm è la focale che non porto mai con me. Mi è stato regalato a corredo con la M6, ma proprio non riesco a farmelo piacere. Lo cito solo per completezza.
  • Voigtlander 50mm ƒ1.1 Nokton: l’apertura parla da se. Veloce quando c’è poca luce e ideale nei ritratti è la lente che in borsa può fare molto comodo.
  • Taccuino: i Moleskine sono l’ideale per gli appunti di viaggio, ma qualsiasi altro taccuino può andare bene.
  • iPad: sostituisce molto bene il portatile nei viaggi e permette di fare backup grazie al camera connector kit.
  • SD and CF holder: avere una custodia rigida per le proprie schede vi aiuterà a proteggerle e a tenerle in ordine. Nel mio caso contiene comodamente anche il camera connector kir per iPad.
  • Hard disk holder: una custodia rigida per Hard Disk è l’ideale per contenere le batterie di scorta, fogli di carta di riso per pulire le lenti e altri accessori minuti in modo ordinato. Li potete trovare in qualsiasi negozio di elettronica.

Alcune considerazioni..

A seconda del luogo in cui mi reco penso bene a cosa portare in termini di copro e lenti. Non sono il tipo che gira con 10 obiettivi e li cambia ogni 10 minuti. No. Di solito parto con le idee ben chiare e porto al massimo due obiettivi. Questo mi stimola a livello creativo e non mi fa perdere tempo inutile a pensare a quale obiettivo montare. Ci sono poi magari delle eccezioni. Ad esempio se mi reco in posti molto particolari, dove difficilmente potrò tornarci a breve, allora mi porto tutto quello che ritengo necessario per non pentirmi di avere lasciato a casa qualcosa.

Nel caso di capitali europee invece preferisco partire magari con solo il 28mm, stare bello leggero e godermi la vacanza. Non dimentichiamoci mai infatti che prima di tutto siamo in ferie! E non dobbiamo rovinarci la vacanza per colpa della nostra passione per la fotografia! Nell’ultimo viaggio a Lisbona mi sono recato a Cabo da Roca, una scogliera sull’oceano con un panorama mozzafiato. Lì per lì mi stavo per mangiare le mani per non aver portato il 15mm. Poi invece ci ho pensato bene e ho trovato la soluzione usando la M9 in verticale e scattando una panoramica. Così il 15mm non mi è più mancato così tanto visto il risultato. 🙂

Cabo da Roca summer sunset

Sempre nello stesso posto la mia ragazza mi ha chiesto una foto e anche nel ritratto direi che il mio mitico 28 non ha sfigurato. 🙂

Lovely wind

E ora, dopo aver parlato del grosso dell’attrezzatura, veniamo a quello che proprio non deve mancare:

  • Abbiamo preso le schede di memoria? Le abbiamo formattate e controllato che siano ok? Ne abbiamo abbastanza?
  • Abbiamo preso le batterie di riserva?
  • Abbiamo preso il caricabatterie?
  • Abbiamo preso i rullini?
  • Abbiamo preso il necessario per poter fare backup?
  • Abbiamo controllato che dove andremo le spine sono uguali alle nostre in Italia?
  • Abbiamo controllato che dove andremo non avremo problemi con il materiale in dogana? In questo caso consiglio una bella fotocopia di tutti gli scontrini o di qualcosa che possa accertare la nostra proprietà.
  • Abbiamo preso tutto per pulire le lenti? Panno, soffietto, carta di riso, etc..
  • Abbiamo controllato che il nostro bagaglio a mano abbia le dimensioni corrette per poter essere imbarcato in cabina?

Queste sono quelle cose che secondo me sono assolutamente necessarie, ma voi potreste averne delle altre.. lasciate un commento e dite la vostra! 🙂

19 pensieri su “Checklist da viaggio: ecco la mia!

  1. Mi piacciono sia la tracolla sia il laccio da polso. Anche io li alternerei, se avessi una tracolla che si slaccia facilmente…
    Mi diresti dove li hai trovati?

  2. Sono entrambi artigianali 🙂 La tracolla è una vecchia cintura della mia ragazza modificata con dei moschettoni piccolini che si sganciano velocemente e il laccio da polso me lo son fatto fare a una bancarella che faceva braccialetti in cuoio.

    Ma se cerchi su ebay wirst strap lo trovi 😉

    • Sì, ci sono anche i vari “Leicatime” e simili, che costano. Aspetterò che la vita mi faccia passare davanti agli occhi i miei strap.
      Oppure la mia ragazza potrebbe trovarsi con una cintura e un laccio delle scarpe in meno 😉

  3. Aspettavo da tempo un tuo articolo a riguardo 😉
    In effetti è interessantissimo scoprire come altri fotografi si organizzino per avere sempre la situazione sotto controllo e, nel contempo, per stare leggeri e comodi.
    E poi la foto da “What’s in your bag” ci sta perfetta!
    Piccola curiosità… quando esci in strada, non per forza per un viaggio, ma per una normale passeggiata alla ricerca di buona streetphotography… porti con te solo la camera oppure in borsa metti qualcos’altro? 😉

    Gran bell’articolo, comunque, Gianmaria!

    • In genere porto solo la macchina al polso, anche in viaggio di solito lascio borsa etc in albergo.. magari mi porto un secondo obiettivo in tasca (le lenti M son piccole), ma non di più.. preferisco dare poco nell’occhio ed essere molto discreto..

      Grazie dei complimenti Frankie! 😉

  4. Ciao,

    complimenti per il corredo…….il mio sogno, per qualità, portabilità e fascino!!!

    La borsa è perfetta per le mie esigenze, e pure bella, che marca è? e’ vecchia?

    Grazie 1000
    Andrea

  5. Eccomi con la domanda.. Praticamente la reflex ora mi sta stretta: crea distanza tra me e soggetti, è scomoda e nella maggior parte delle volte in cui serve è lontana… Non riesco usarla nella vita quotidiana.. Cercavo alternativa… So della tua scelta a passare alla Leica, che ahimè per questioni economiche non posso seguire.. Ma cerco disperatamente di trovare una soluzione. Chi mi parla delle bridge della panasonic, chi di compatte della nikon…
    Cosa mi diresti della Fuji X100?
    Grazie in anticipo, e complimenti per le tue fotografie!

    • Ti capisco benissimo quando dici della reflex.. è una questione molto soggettiva.. molti grandi fotografi la usano senza troppi problemi, ma capisco che le dimensioni siano limitanti per qualcuno..

      La x100 è un ottimo compromesso tra qualità e dimensioni, però se proprio devo scendere a compromessi vado sulla x1-pro.. senza esitare un secondo.. 😉

I commenti sono chiusi.