Colori e luce sulle Alpi Orobie

Pensavo che i colori dell’autunno ci avessero salutato per quest’anno e invece anche questo weekend la natura ci ha regalato dei colori stupendi.. complice la luce, che ha creato un effetto davvero molto bello, infuocando i larici in controluce.. ovviamente non era un’occasione da perdere ed ecco il risultato!

Nature's playing with colors during fall

Autunno sulle Alpi Orobie

Questo weekend sono stato a farmi un giro sopra Carona, nei pressi del Rifugio Calvi e del lago di Fregabolgia. Volevo godermi gli ultimi sprazzi dei colori autunnali prima del ritorno all’ora solare (poi viene buio troppo presto ed è difficile muoversi in montagna). Il cielo non era dei più entusiasmanti, ma la luce tutto sommato non era male. Insomma, ho fatto quello che ho potuto. Le foto sono state scattate con Ricoh GR e Leica M 240 con 35 summilux ASPH. Buona visione! 🙂

Sunset in the AlpsSunset in the Alps #2Colors and reflections in the Alps

Il filtro rosso nella fotografia Bianco e Nero

Quella che posto è un’altra immagine di questo weekend. Sempre ripresa sul sentiero per il Monte Corno Stella a Foppolo (Alpi Orobie). Mentre cammino mi guardo sempre attorno e quelle due nuvolette avevano catturato la mia attenzione. Erano in contrasto con il territorio brullo, dovuto all’assenza di vegetazione oltre i 2000m, dando un look decisamente “strano” al paesaggio. Da sole però non riuscivano a spiccare. Ed ecco un piccolo trucchetto che può aiutare in questi casi, ovvero convertire l’immagine in Bianco e Nero simulando l’uso di un filtro rosso (se scattate a pellicola invece esistono proprio i filtri a vite da mettere davanti all’obiettivo). Questa procedura scurisce decisamente i colori complementari al rosso, quindi i ciani, abbassando l’esposizione sul cielo (tralasciando le nuvole) e creando questo look ancora più surreale! Insomma, ecco la foto per capirci! 🙂

Earth or Mars?

Nuvole rosse su Foppolo dal Valgussera

Passo spesso la settimana a Udine per lavoro e questa è stata una di quelle.. ma il venerdì torno sempre a casa a Foppolo, nelle Alpi Orobie.. non posso farne a meno.. nonostante per me significhi ancora lavoro (nell’attività della mia famiglia), per me è necessario per potermi ricaricare..

Ieri, verso le 17, ero in macchina in autostrada a Padova.. chiamo due miei cugini (Patrick e Arrigo) e gli chiedo cosa avessero in programma per la sera.. nulla, mi rispondono.. bene, allora gli propongo un uscita fotografica.. e loro, giustamente, mi chiedono: ma cosa vuoi andare a fotografare?? Non lo so, rispondo, ma gli dico lo stesso di trovarci da me per poi decidere.. per me in quel momento non era importante andare a fare foto.. l’uscita era solo un pretesto per raccontarsi quattro balle e passare un po’ di tempo insieme.. non era importante la foto che saremmo andati a fare.. non ce l’avevo in mente e non volevo nemmeno pensarci..

Alla sera, verso le 9:30, arrivano da me.. guardiamo fuori dalla finestra e vediamo nebbia e nuvole basse sopra di noi.. che si fa?? Ci guardiamo e pensiamo tutti la stessa cosa.. l’unica soluzione è prendere la motoslitta e salire in quota nella speranza che le nuvole prima o poi rimangano sotto di noi.. così facciamo e ci dirigiamo verso il monte Valgussera.. dalla nebbia più totale ad un certo punto sbuchiamo sopra le nuvole!! Bene!! L’avevamo rischiata e ci era andata bene.. a quel punto raggiungiamo la cima del Valgussera a piedi, in zona arrivo vecchio impianto.. e lì l’emozione è stata tanta.. Foppolo era sommersa dalla nebbia, ma le luci del paese illuminavano la conca delle Foppelle di rosso, facendola così sembrare un enorme cratere vulcanico.. la luce della luna, non piena, ma comunque luminosa, ha fatto il resto.. inutile dire che ci siamo messi subito a scattare..

Morale della favola, non avevamo programmato nulla.. eravamo solo usciti a fare quattro foto come pretesto per stare un po’ insieme, ma siamo stati premiati..! Insomma, quando si dice CULO! 😀

Ah, quasi dimenticavo.. ecco la foto di ieri sera! 🙂

Foppolo: la perla delle Alpi Orobie

Beh, che fossi innamorato di Foppolo (mio paese di origine si può dire), penso non sia un mistero.. ebbene, ecco un’altra veduta della perla delle Orobie all’ora blu.. scatto in un’unica esposizione con Sony A7r e Voigtlander 35mm Nokton 1.2 II..

La scelta dell’orario è stata cruciale per una gamma dinamica ottimale della scena..  il modo migliore per cavarsela in questi casi è scattare ogni 2-3 minuti aspettando il bilanciamento ideale tra cielo, paese e paesaggio.. so che non andrebbe fatto (scattare “a caso”), ma visto che siamo in era digitale, sfruttiamone i vantaggi! 😀