Street e Reflex? No, grazie.

Sto sputando nel piatto in cui ho mangiato.. Ovvero fare street con la reflex.. L’ho fatto per molto tempo, ma da un pò mi son reso conto, col famoso senno di poi, quanto fossi lontano dalla scena… Quanto le mie foto fossero anonime… Si, perché la Reflex ha tanti pregi, ma non è per nulla discreta.. e nel tempo in cui viviamo, dove la gente si sente privata di qualcosa se gli rubi una foto per strada, non si può più davvero fare a meno di essere discreti.. la discrezione diventa fondamentale per non turbare quelle scene di normalità così genuine, così vere.. Heisenberg e il suo principio di indeterminazione non sono mai stati così azzeccati come per la fotografia street.. Ogni soggetto non può essere osservato senza influenzarne il comportamento.. ed è così! Molta gente, quando si sente osservata, non è più se stessa.. figuratevi con il pensiero di avere un cannone puntato contro..!

Molti aggirano il problema usando focali lunghe.. tutti street photographer, o streetpher (come fa figo definirsi oggi), con il teleobiettivo.. il web è pieno di primi piani di clochard scattati con un 200.. e questa la chiamano street..! No, street non è questo.. STREET è essere dentro la scena.. essere parte di essa e fotografarla senza disturbarla.. questo è street.. catturare l’essenza del soggetto..

In questo oggi fortunatamente siamo agevolati dalle attrezzature disponibili.. Le mirrorless come Fuji X100s, Sony RX1 o Ricoh GR, oggi non hanno nulla da invidiare alle sorellone reflex.. la qualità d’immagine finalmente non è più solo appannaggio dei corpi “specchiati”.. per questo io, oggi per fare street, lascio a casa D800 e mi porto dietro la Ricoh GR.. senza nessun rimpianto, anzi! 😉

Un piccolo esempio per chiudere..

Young worker in Milan

Scatto con Ricoh GR (1/20″, ISO3200, ƒ/2.8).. se pensate che sono 28mm equivalenti, il soggetto era molto vicino.. eppure nessuno si è accorto di me.. la scena è naturale e la focale corta dà il senso di esserci dentro.. con la D800 avrei fatto di meglio? No, con la D800 probabilmente non avrei nemmeno tirato fuori la macchina dalla borsa.. 😉

What’s in my bag?

In questa foto vedete quello che mi fà compagnia ogni giorno 🙂

Camera porn

Vediamo insieme what’s in my bag:

  1. Borsa vintage: l’ho vista nella vetrina di un negozio e non sono riuscito a trattenermi dal comprarla.. non è adorabile??
  2. Leica M6 e Nikon FM2: due corpi essenziali e robusti.. poche parole, tanti fatti..
  3. 35mm, 50mm, 105mm: tre fissi per un corredo bilanciato e variegato.. quando samyang metterà in commercio il 24mm 1.4 lo vedrete in borsa insieme alla FM2.. per ora non sento la mancanza di nulla..
  4. Esposimetro: nello street se ne può fare a meno.. nei ritratti no.. punto..
  5. Pellicole: 50 o 100ISO per la FM2 e i ritratti.. 400ISO per la M6 e lo street..
  6. Moleskine: ovunque vada ce l’ho con me.. semplicemente li adoro!
  7. Danbo: ok, nessuno è perfetto.. 🙂
  8. Zippo: non fumo, ma adoro giochicchiarci..
  9. Persol: in onore del buon Steve McQueen!

Ok, lo ammetto.. non porto sempre con me due corpi.. ma uno sì.. spesso la Leica per la maggior comodità.. 😉

E voi? Che vi portate dietro tutti i giorni? 🙂

Cosa DEVE esserci in borsa

Siete curiosi di sapere cosa tengo in borsa eh? 🙂
Tranquilli, non ho segreti.. quindi vi svelerò l’arcano(??)!

Uso sostanzialmente due borse per mettere il materiale.. di solito quella che non uso resta a casa come stiva.. le borse sono:

  • Dakine Sequence
  • Domke J1
  • Altre sacche recuperate qua e là per pannelli etc…

Come corpi e lenti uso: Continua a leggere…