Nuvole rosse su Foppolo dal Valgussera

Passo spesso la settimana a Udine per lavoro e questa è stata una di quelle.. ma il venerdì torno sempre a casa a Foppolo, nelle Alpi Orobie.. non posso farne a meno.. nonostante per me significhi ancora lavoro (nell’attività della mia famiglia), per me è necessario per potermi ricaricare..

Ieri, verso le 17, ero in macchina in autostrada a Padova.. chiamo due miei cugini (Patrick e Arrigo) e gli chiedo cosa avessero in programma per la sera.. nulla, mi rispondono.. bene, allora gli propongo un uscita fotografica.. e loro, giustamente, mi chiedono: ma cosa vuoi andare a fotografare?? Non lo so, rispondo, ma gli dico lo stesso di trovarci da me per poi decidere.. per me in quel momento non era importante andare a fare foto.. l’uscita era solo un pretesto per raccontarsi quattro balle e passare un po’ di tempo insieme.. non era importante la foto che saremmo andati a fare.. non ce l’avevo in mente e non volevo nemmeno pensarci..

Alla sera, verso le 9:30, arrivano da me.. guardiamo fuori dalla finestra e vediamo nebbia e nuvole basse sopra di noi.. che si fa?? Ci guardiamo e pensiamo tutti la stessa cosa.. l’unica soluzione è prendere la motoslitta e salire in quota nella speranza che le nuvole prima o poi rimangano sotto di noi.. così facciamo e ci dirigiamo verso il monte Valgussera.. dalla nebbia più totale ad un certo punto sbuchiamo sopra le nuvole!! Bene!! L’avevamo rischiata e ci era andata bene.. a quel punto raggiungiamo la cima del Valgussera a piedi, in zona arrivo vecchio impianto.. e lì l’emozione è stata tanta.. Foppolo era sommersa dalla nebbia, ma le luci del paese illuminavano la conca delle Foppelle di rosso, facendola così sembrare un enorme cratere vulcanico.. la luce della luna, non piena, ma comunque luminosa, ha fatto il resto.. inutile dire che ci siamo messi subito a scattare..

Morale della favola, non avevamo programmato nulla.. eravamo solo usciti a fare quattro foto come pretesto per stare un po’ insieme, ma siamo stati premiati..! Insomma, quando si dice CULO! 😀

Ah, quasi dimenticavo.. ecco la foto di ieri sera! 🙂